D’Avenia: “La DaD è necrologio di un paziente moribondo. Stop alla scuola tra burocrazia e supplentite”

Stampa

Al Sole 24 Ore interviene il docente e scrittore Alessandro D’Avenia. Tanti gli argomenti trattati nell’intervista a cura di Maria Piera Ceci.

“Dobbiamo smetterla di ridurre la scuola al medium che usiamo, la scuola è la relazione discepolo-maestro. Abbiamo bisogno di una scuola che torni a dare centralità alla relazione, invece oggi, tra burocrazia e supplentite, è l’esatto contrario. La didattica a distanza, in molti casi, è il necrologio di un paziente moribondo, in molti altri casi è un’occasione di crescita straordinaria. Tutto dipende dalla relazione che avevamo prima con i ragazzi”.

Poi l’affondo: “Non chiediamo alla scuola di fare tutto, è l’errore che sovraccarica la scuola di compiti educativi che spettano alla famiglia. L’unica maniera per farcela è allearsi”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur