Dati: L’arte nei numeri. Fondazione Golinelli propone un nuovo corso per insegnanti con l’artista e information designer Giorgia Lupi

Stampa

Un corso di ambito STEAM che offre spunti attorno all’analisi e all’utilizzo dei dati per sviluppare attività didattiche di cittadinanza digitale su temi quali ambiente e sostenibilità, povertà e stili di vita, crimini e diritti.

Dal 26 agosto al 20 settembre 2021 Fondazione Golinelli propone “Dati: l’arte nei numeri”, un ciclo di workshop per insegnanti con l’artista e information designer Giorgia Lupi.

L’uso dei dati a scuola, infatti, favorisce tra i ragazzi l’attitudine alla collaborazione e al pensiero critico, basato sulle competenze di interpretazione e comunicazione di dati, grafici e modelli. Allo stesso tempo permette di lavorare sulla creatività, di integrare arti, scienze e tecnologie per produrre artefatti digitali e affrontare temi complessi in un’ottica transdisciplinare.

Il percorso è progettato per essere altamente interattivo ed esperienziale, consentendo di consolidare competenze tecniche, progettuali, ideative. Chi ne ha la possibilità può seguirlo in presenza presso Opificio Golinelli, altrimenti ogni momento è disponibile contemporaneamente anche online prevedendo l’interazione e la collaborazione tra fruitori a distanza e in presenza.

Alle dirette sono collegate esercitazioni asincrone, supportate da tutorial e materiali di riferimento che permettono sia di consolidare le conoscenze tecniche e progettuali che di adattarle a temi di interesse personale o didattico. I partecipanti hanno inoltre l’opportunità di personalizzare il percorso formativo rispetto alle esigenze specifiche nei momenti a sportello di confronto con i formatori. Ampio spazio è dedicato anche alla rielaborazione delle esperienze in chiave didattica.

Obiettivi

  • Fornire strumenti e metodologie di base per trovare, organizzare e interpretare dati, da utilizzare come risorse educative digitali;
  • Fornire le competenze e i riferimenti per leggere criticamente e produrre grafici e storie basate su dati di interesse pubblico e sociale;
  • Stimolare la progettazione di attività didattiche che, attraverso i dati, favoriscano tra i ragazzi l’attitudine alla collaborazione e all’analisi critica, avvicinandoli a temi di interesse pubblico e sociale portandoli ad avere un atteggiamento attivo e di partecipazione civica.

Per consultare il programma del corso e le modalità di iscrizione clicca qui

Stampa