Daniele Novara (pedagogista): bocciare non serve, scuola è comunità di apprendimento

WhatsApp
Telegram

Il pedagogista Daniele Novara, su Avvenire in risposta ad un insegnante, traccia il profilo della “scuola ideale”

“L’obiettivo – spiega Novara – è creare una scuola nuova, in cui gli insegnanti sappiano analizzare gli errori senza punire, stimolare i ragazzi a fare progressi tirando fuori le loro risorse, offrire percorsi di apprendimento a partire dai livelli di partenza di ciascun alunno e valutare i progressi non le mancanze, occorre liberarsi di tutte le pratiche coercitive, che non hanno ragioni scientifiche.”

E dunque, un no severo alla bocciature.

Gli effetti  – conclude il pedagogista, facendo riferimento a scuola primaria e media – sono sempre depressivi, mortificanti e non riabilitativi, soprattutto se il ragazzino rimane nella stessa scuola.

La lezione frontale non serve: investire sulla formazione dei docenti su metodi innovativi

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur