Dall’educazione motoria alla primaria al tempo pieno, Anief: bene “summit” della maggioranza

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato Anief – Docenti specializzati in motoria alla primaria, ripristino della seconda ora nei licei musicali, trasformazione da organico di fatto a organico di diritto dei posti docenti di sostegno, concorso per Dsga, esonero del docente vicario nelle scuole in reggenza, tempo pieno al sud, non obbligatorietà dell’alternanza scuola lavoro, stabilizzazione del personale educativo, semplificazione amministrativa e snellimento adempimenti nelle segreterie scolastiche soffocate da duplicazione di atti e procedure assolutamente inutili.

Sono i tanti temi affrontati nell’ultimo “summit” tenuto dalla maggioranza di Governo con il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, il sottosegretario Salvatore Giuliano e lo staff ministeriale: la deputata del MoVimento 5 Stelle Virginia Villani ha detto che su diversi punti “siamo veramente sulla buona strada. Il percorso non sarà facile né veloce ma il sentiero è tracciato. Nel corso della riunione – ha continuato Villani – abbiamo parlato di importanti misure per migliorare la scuola italiana. Ho portato avanti le vostre istanze: inserimento del docente esperto di motoria nella scuola primaria (discusso anche recentemente in un incontro ad Angri, in provincia di Salerno). Soprattutto, abbiamo parlato di sicurezza nelle scuole con lo sblocco di fondi per la manutenzione straordinaria degli edifici scolastici e con la mia proposta di legge sulla responsabilità dei dirigenti e degli enti locali”, ha concluso la deputata pentastellata.

Anche Anief è soddisfatta per il primo esito dell’incontro e per le prospettive che si sono venute a determinare: “Si proceda subito – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – all’inserimento dell’educazione motoria nella scuola primaria e dell’infanzia, e al concorso Dsga, nel cui bando però è opportuno riservare il 50% dei posti agli assistenti amministrativi facenti funzione. È importante anche le richiesta sulla stabilizzazione dei posti in deroga del sostegno e del personale educativo, sul potenziamento e tempo pieno al Sud ma con organici differenziati per Anief, sull’esonero dei vicari reggenti e lo snellimento del lavoro delle segreteria. Su tutte questo posto c’è l’appoggio pieno del nostro giovane sindacato, che ha sempre chiesto in questi anni alla politica di intervenire su tutti i temi affrontati”.

30 settembre 2018

Ufficio Stampa Anief

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione