Dal riscatto gratuito della laurea alla pensione di garanzia. Le misure a favore giovani

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Nella giornata di ieri, abbiamo riferito sull’ipotesi riscatto di laurea gratuito, su cui si sta lavorando, secondo quanto riferito dal sottosegretario al Mef Paolo Baretta.

Riscatto gratuito della Laurea, Baretta: ci stiamo già lavorando, ma solo per i neolaureati

L’argomento è stato ripreso, in data odierna odierna, dal Corriere della Sera, in cui vengono illustrate le diverse proposte a vantaggio dei giovani, attualmente al vaglio della maggioranza di governo e relativamente alle quali si dovrà compiere una scelta, considerato che le risorse non sono sufficienti a portarle tutte “a bordo”.

Riscatto gratuito della laurea: l’potesi lo prevede soltanto per i giovani nati tra il 1980 e il 2000 e che non siano fuori corso. Secondo Baretta, la sperimentazione potrebbe partire già il prossimo anno. Il riscatto farebbe sì che gli anni universitari entrerebbero nel computo degli anni per andare in pensione.

Attualmente il riscatto è molto oneroso, ad esempio, scrive il Corriere, una donna di 40 anni con un reddito di 36000 euro lordi l’anno per riscattare la laurea di euro ne deve tirare fuori 65 mila.  

Da sottolineare che il Governo, contrariamente da quanto affermato da Baretta, però, afferma che la misura non sarebbe allo studio.

Pensione di garanzia: si tratta di un’altra misura a vantaggio dei giovani, ossia un assegno minimo da destinare a coloro i quali avranno pensioni tanto basse da non poter garantire nemmeno la sussistenza. Anche in questo caso bisognerà valutarne la fattibilità in relazione alle risorse disponibili. Tale misura è più costosa della precedente, considerato che riguarderebbe tutti i giovani.

Costo del lavoro: nella prossima legge di bilancio, il Governo è intenzionato a ridurre le tasse sul lavoro, in modo da favorire l’occupazione giovanile. Tale misura potrebbe vedersi ridurre le risorse disponibili, qualora si procedesse al riscatto gratuito della laurea.

Vedremo quale delle predette misure vedrà la luce e a che condizioni.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare