Dal 21 novembre limiti alla navigazione dei minorenni su smartphone: stop a gioco d’azzardo e siti a luci rosse

WhatsApp
Telegram

Dal 21 Novembre 2023, un nuovo quadro normativo entrerà in vigore per garantire una navigazione sicura ai minorenni in Italia. Grazie alla delibera 9/23/Cons del Garante delle Comunicazioni (l’AgCom), le SIM intestate ai minori saranno preimpostate per bloccare l’accesso a “contenuti inappropriati”, mitigando così le preoccupazioni di molti genitori e insegnanti.

Come ricorda La Repubblica, l’AgCom ha identificato otto categorie di siti considerati nocivi per i minori. Questa mossa segue la scoperta che alcune compagnie di telefonia non fornivano adeguati servizi di parental control, o lo facevano a pagamento, violando le norme stabilite nel 2020. In precedenza, le famiglie dovevano attivare manualmente tali restrizioni, e le politiche variavano significativamente tra i diversi fornitori.

Ora, il blocco sarà attivato automaticamente, senza necessità di intervento da parte dei genitori o dei fratelli maggiori del minore intestatario della SIM. L’AgCom ha delineato delle limitazioni uniformi per tutti gli operatori di telefonia, semplificando così la gestione del controllo parentale.

La diffusione dei dispositivi mobili tra i minorenni è notevole. La Società Italiana Cure Primarie Pediatriche della Lombardia stima che il 58,4% dei bambini tra i 6 e i 10 anni possieda un dispositivo mobile personale.

Molti minorenni utilizzano dispositivi con SIM intestate ai genitori. In questi casi, il blocco non è automatico, ma può essere attivato dai genitori attraverso quattro metodi: ricevere un pin di attivazione, ricevere un codice riservato di attivazione (Otp) sullo smartphone, utilizzare lo Spid o accedere alla pagina dedicata sul sito della compagnia di telefonia.

Il servizio di blocco automatico è offerto gratuitamente. Tuttavia, servizi accessori come antivirus, antimalware e antispam potrebbero essere offerti a pagamento, ma non dovranno essere preattivati senza il consenso esplicito del titolare della linea. Questa misura necessita di una vigilanza particolare per evitare attivazioni non desiderate e procedure di disattivazione noiose.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri