Dai compiti agli stipendi, dalla mobilità alla valutazione: la scuola in rima

WhatsApp
Telegram
ex

Pubblichiamo una poesia sulla scuola inviata da Mario Bocola.

La scuola di oggi è uno scatafascio

dove si fa tutto d’un erba un fascio.

Ma tra poco vien Natale,

con meno compiti per gli studenti

che già non studiano per niente.

E col nuovo anno ci saran dolori

per la mancetta dei docenti proprio sfortunati

e dimenticati dallo Stato canaglia

che pensa solo ai Dirigenti che col concorso

in corso,

si son visti premiare a suon di sonori bigliettoni.

E poi viene la mobilità

altra operazione di viltà,

che la legge della “Buona Scuola” ha trasformato

in “Mala Scuola”.

E con l’algoritmo sempre in agguato,

I docenti all’erta sempre devono stare

altrimenti il pallottoliere li mena su e giù per l’Italia,

portando lontano padri e madri con i piccoli pargoletti

in cerca ancor del materno sen.

E passato il Natale,

tra ponti, puntoni e ponticini arriva Pasqua a gran galoppo,

che cavalcando sul groppo la fine dell’anno scolastico

prepara

e gli alunni sono felici e contenti perché la promozion

quasi scontata è.

Evviva la scuola del Duemila,

anche se c’è chi rimpiange il nostalgico passato

che mai più ritornerà.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur