Dadone contro De Luca e Emiliano: “Le scuole devono essere l’ultima cosa a chiudere”

Stampa

“Le scuole devono essere l’ultima cosa a chiudere. Abbiamo tenuto i ragazzi a casa nella prima fase dell’emergenza, quando le scuole non erano in grado di garantire il distanziamento, quando avevamo classi pollaio ovunque. Ma ora questa non deve succedere. Emiliano e De Luca hanno sbagliato, potevano fare altro prima di chiudere le scuole”.

Lo dice la ministra della Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone a Radio Capital.

E sullo smart working aggiunge: “Lo smart working è una rivoluzione culturale, è cambiata completamente l’organizzazione del lavoro. Se un’amministrazione aveva già un buon livello di digitalizzazione, si è riuscito a fornire anche ora al cittadino tutti i certificati. Si può fare, serve flessibilità. È un’ottima modalità da portare a regime”.

Sui furbetti dello smart working: “Prima c’erano i furbetti della macchinetta del caffè, ora ci sono quelli che approfittano della situazione che stiamo vivendo. Bisogna che si cerchi di porre sempre più attenzione a quello che i dipendenti fanno una volta seduti alla scrivania. Ma i furbetti ci saranno sempre”.

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!