Dadone: “Bisogna investire sulla formazione dei docenti. Servono nuove metodologie di insegnamento”

Stampa

La Ministra Dadone spinge per concentrarsi sulla formazione degli insegnanti, ritenendo importante puntare sui nuovi metodi che possano portare l’Italia in alto in Europa.

Serve una formazione mirata su tutto il personale della pubblica amministrazione, penso anche agli insegnanti. Se vogliamo riuscire ad avere una formazione più adeguata dobbiamo anche andare a investire sulle nuove metodologie di insegnamento“.

Lo ha detto la ministra per le Politiche giovanili, Fabiana Dadone, in collegamento con l’Italian Youth Forum 2021 dell’Associazione italiana Giovani Unesco (Aigu), evento in diretta streaming da Parma.

Il Governo – ha aggiunto Dadone – deve investire di più nell’orientamento scolastico verso le nuove professioni. C’è anche una questione di genere sulle discipline Stem (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica, ndr.): sarebbe necessario presentare personalità che possano far capire alle ragazze che un percorso di questo tipo può essere una prospettiva di futuro valida“.

Per la ministra “serve anche un grande investimento nella certificazione delle competenze” dei giovani.

Infatti, il coinvolgimento dei giovani nelle scelte decisionali  ”non si deve fermare alla fase delle consultazioni, ma si deve estendere a una maggiore partecipazione nella vita politica. Le più grandi rivoluzioni partono dai ragazzi e per questo è importante coinvolgerli”.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur