Da Maria Montessori a Nilde Iotti passando per Oriana Fallaci e Samantha Cristoforetti. Il “Pantheon” di donne del premier Giorgia Meloni

WhatsApp
Telegram

Dalla prima ciclista a competere nel giro d’Italia di soli uomini, Alfonsina Strada, all’astronauta Samantha Cristoforetti, alla guida della Stazione spaziale internazionale, passando dall’indimenticabile Nilde Iotti, la prima a ricoprire la carica di presidente della Camera, alla patriota Rosalie Montmasson, unica donna a prendere parte alla spedizione dei Mille al comando di Giuseppe Garibaldi. Nel suo intervento alla Camera, Giorgia Meloni cita chiamandole solo per nome le donne che hanno ”rotto il pesante tetto di cristallo posto sulle nostre teste”, aprendo la strada alla prima donna a palazzo Chigi.

Una sorta di ‘Pantheon’ per la leader di Fratelli d’Italia. ”Donne  – ha rimarcato la neo premier – che hanno osato, per impeto, per ragione, o per amore. Come Cristina (ndr Trivulzio di Belgioioso), elegante organizzatrice di salotti e barricate”. O “come Rosalie (ndr Montmasson), testarda al punto da partire con i Mille che fecero l’Italia. Come Alfonsina (ndr Strada) che pedalò forte contro il vento del pregiudizio. Come Maria (ndr Montessori) o Grazia (ndr Deledda) che con il loro esempio spalancarono i cancelli dell’istruzione alle bambine di tutto il Paese”.

Meloni fa poi il nome di Tina Anselmi, Nilde Jotti, Rita Levi Montalcini, Oriana Fallaci, delle giornaliste Ilaria Alpi e Mariagrazia Cutuli), di Fabiola Giannotti); dell’ex ministro della Giustizia Marta Cartabia) e del neo ministro delle Riforma, Elisabetta Casellati.

Nell’elenco c’è anche l’astronauta Samantha Cristoforetti e Chiara Corbella Petrillo. Grazie per aver dimostrato il valore delle donne italiane, come spero di riuscire a fare anche io.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur