Da casa come a scuola, vietato presentarsi a lezioni in pigiama

WhatsApp
Telegram
coronavirus

Alcuni dirigenti scolastici stanno cominciando a porre un paletto educativo sulle norme comportamentali anche nelle lezioni da casa.

E’ vero che le attività di studio e di lavoro svolte nelle proprie abitazioni possono indurre a trascurare o a ritardare la cura della propria persona; tuttavia le lezioni in pigiama proprio non possono essere tollerate.

Una preside di una scuola di Torre Annunziata, come racconta il quotidiano Il Fatto Quotidiano, ha pubblicato un regolamento sul profilo Facebook della scuola: “La didattica digitale ha bisogno di regole. Per i docenti e per gli studenti! Invitiamo pertanto gli alunni e le loro famiglie a prendere visione del regolamento che pubblichiamo in allegato. Nessuna formazione né pratica sociale può prescindere dall’educazione e dal rispetto di regole condivise. Avanti tutta …perché nel giusto si è più forti!”.

Le regole di buona condotta anche per le lezioni in video riguardano l’orario di accesso alla piattaforma (qualunque essa sia); l’uso delle proprie credenziali e non l’utilizzo con quelle dei nickname; chiudere le applicazioni durante le lezioni. Ovviamente non potevano mancare le regole per i telefonini le cui suonerie e i cui utilizzi devono rigorosamente non disturbare lo svolgimento della lezione.

La scuola presa come esempio non è l’unica sul territorio nazionale ad aver fatto ricorso a questo provvedimento. Sembra che da Nord a Sud ci siano molte realtà che stanno provvedendo in questo senso.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito