La cyberdipendenza colpisce 240.000 studenti italiani

di Giulia Boffa
ipsef

Red – Molto preoccupanti i dati che provengono dal progetto di prevenzione sulla dipendenza da internet, redatto in concomitanza con gli eventi promossi dalla Presidenza della Camera dei deputati.

Red – Molto preoccupanti i dati che provengono dal progetto di prevenzione sulla dipendenza da internet, redatto in concomitanza con gli eventi promossi dalla Presidenza della Camera dei deputati.

 Sono infatti più di 240 mila gli studenti italiani tra gli 11 ed i 16 anni che sono vittime di cyberdipendenza.
 
Donatella Marazziti, professore associato di psichiatria all’Universita’ degli Studi di Pisa, e Mario Campanella, Presidente dell’associazione Peter Pan, che si occupa di tutela dell’infanzia e lotta alla pedopornografia, denunciano conseguenze molto gravi per i bambini e ragazzi che " passano mediamente piu’ di tre ore al giorno dinanzi al pc, con esacerbazioni, come la sindrome di Hikikomori che ha delle caratteristiche precise: il bambino o adolescente frequenta la scuola con un profitto sufficiente e poi viene completamente assorbito dalla realta’ parallela, non ha amici, se non la playstation o il computer, e passa 10 -12 ore quotidianamente in una dimensione virtuale.
 
Purtroppo di questo i partiti italiani sembrano non preoccuparsi ed e’ un limite evidente, giacche’ la realta’ sociale e’ fatta anche e soprattutto di queste problematiche".
Versione stampabile
anief
soloformazione