Cyberbullismo, Ferrara (PD): “Spezzare catena d’odio con un nuovo modello educativo”

di redazione
ipsef

Le cronache giornalistiche riportano di continuo episodi diffusi di violenza inaudita, spesso ai danni di soggetti fragili. Un fenomeno che viene spettacolarizzato sul web e viaggia sui social network, da smartphone a smartphone, come il pestaggio del ragazzo diversamente abile a Olbia.

Le cronache giornalistiche riportano di continuo episodi diffusi di violenza inaudita, spesso ai danni di soggetti fragili. Un fenomeno che viene spettacolarizzato sul web e viaggia sui social network, da smartphone a smartphone, come il pestaggio del ragazzo diversamente abile a Olbia.

"La Ministra alle Pari Opportunità, Maria Elena Boschi, ha condannato i responsabili, autori e spettatori, invocando giustizia.

La vera partita, però, si gioca sulla prevenzione – commenta la senatrice Elena Ferrara, prima firmataria del ddl sul cyberbullismo – altrimenti i ragazzi continueranno a farsi del male tra loro.

Non si tratta di fenomeni isolati, ma di un segnale estremo di fragilità dei giovani e del loro bisogno di colmare un vuoto di identità attraverso una supremazia, che spesso si manifesta proprio sulle fragilità altrui. Solo con l'educazione, a partire dai primi anni di vita, potremo spezzare questa catena d'odio; forti di una necessaria alleanza tra scuola, famiglia e servizi territoriali".

"Insegniamo ai nostri figli il rispetto delle diversità – conclude Ferrara – secondo un rinnovato principio di affettività, anche e soprattutto sul piano delle relazioni digitali". 

Roma, 16 luglio 2016 

Maria Calabretta 

Ufficio Stampa 

Gruppo Pd

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare