Cyberbullismo, arriva la App che può mappare i livelli di rischio in una scuola

di redazione
ipsef

item-thumbnail

KAIATIAKI srl è una startup innovativa a vocazione sociale che ha sviluppato la prima applicazione online in Europa, basata su tecnologie di intelligenza artificiale, per analizzare i profili social di un minore, consentendo di rilevare attività ostili.

KAITIAKI favorisce la ricaduta sociale delle proprie attività mediante collaborazioni su progetti con scuole ed organizzazioni governative, associazioni in difesa dei minori supportandole nella loro missione educativa.

A questo scopo l’azienda ha sviluppato “KAITIAKI EDU” per contribuire a risolvere uno dei principali problemi rilevati dagli esperti: la mancata consapevolezza da parte dei ragazzi del linguaggio ostili e/o inappropriati alla base delle dinamiche del cyberbullismo e dell’hate-speech.

Questo strumento consente il riconoscimento dei linguaggi inappropriati sui social, rendendo i ragazzi partecipativi e consapevoli al problema.

L’applicazione è gratuita e a disposizione delle scuole come strumento a supporto di progetti educativi nell’ambito delle azioni rivolte agli studenti previste dalle linee di orientamento predisposte dal MIUR e dalla nuova legge in materia di cyberbullismo approvata il 17 maggio.

L’applicazione fornisce inoltre al Dirigente una mappatura sui livelli di rischio relativi a cyberbullismo e hate-speech nel proprio istituto, in modo da poter intervenire l’anno seguente in modo più mirato e con proposte formative adeguate al livello di rischiosità rilevato.

Legge cyberbullismo, cosa devono fare le scuole? La nomina del referente, che può avere contatti diretti con la Polizia

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione