Cultura = Lettura = Biblioteca scolastica

di Lalla
ipsef

Coordinamento Provinciale Docenti Utilizzati Sassari – La caratteristica dell’animale uomo è la cultura: l’uomo, per definizione, è un animale culturale. Ciò che gli altri animali fanno in modo “naturale”, l’uomo lo fa in modo “culturale”. La cultura dipende dalle esperienze che un uomo fa: esperienze di natura esistenziale come un viaggio, ovverosia esperienze di natura “teorica” come la lettura di un libro, che permette di conoscere altre realtà senza doversi muovere dalla propria stanza.

Coordinamento Provinciale Docenti Utilizzati Sassari – La caratteristica dell’animale uomo è la cultura: l’uomo, per definizione, è un animale culturale. Ciò che gli altri animali fanno in modo “naturale”, l’uomo lo fa in modo “culturale”. La cultura dipende dalle esperienze che un uomo fa: esperienze di natura esistenziale come un viaggio, ovverosia esperienze di natura “teorica” come la lettura di un libro, che permette di conoscere altre realtà senza doversi muovere dalla propria stanza.

Leggere un libro è come fare un viaggio nello spazio e nel tempo. Un libro permette di conoscere le abitudini, i costumi di popolazioni antiche come gli Shardana o gli Egiziani, o di popoli attuali che abitano in zone remote del
mondo, come gli Aborigeni australiani o gli Esquimesi.

Il significato della scuola è quello di trasmettere il sapere, e anche quello di educare i futuri cittadini di uno stato democratico. Per quanto riguarda il primo aspetto, come si può concepire una scuola senza biblioteca, senza libri? La biblioteca è il baricentro della scuola, ad essa fanno riferimento alunni e docenti; i ragazzi trovano nella biblioteca strumenti per arricchirsi culturalmente ed affettivamente; mentre i docenti, in essa, trovano un mezzo di arricchimento culturale e, quindi, anche un fondamentale ausilio per la didattica.

E chi meglio di un insegnante può gestire la Biblioteca Scolastica? Chi meglio di una persona che ha le competenze per ciò che riguarda la didattica e la pedagogia? Il Bibliotecario Scolastico è un docente che ha scelto di svolgere un’attività diversa dall’insegnamento diretto! Ha scelto comunque di rimanere nella scuola, impegnandosi ed acquisendo nuove capacità come la catalogazione e la classificazione dei libri, e allo stesso tempo rimanere nell’ambito della didattica e della pedagogica.

Per quanto riguarda l’aspetto pedagogico della istituzione scolastica come possiamo dire ai nostri alunni che: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali…(Art. 3 della Costituzione Italiana)” se poi ci sono delle persone costrette a cambiare lavoro, a svolgere forzatamente compiti contro la loro scelta, probabilmente a lasciare la famiglia, i figli, gli amici… i cari affetti?

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione