“L’urlo di Munch”? Un film di Dario Argento. Italiani bocciati in cultura generale

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Libreriamo, in occasione del suo quinto anniversario, ha condotto un’indagine, riguardante la preparazione culturale dei nostri connazionali, su un campione di 2500 italiani di età compresa tra i 18 e i 65 anni.

L’indagine è stata realizzata, leggiamo sul sito libreriamo.it,  con la metodologia WOA (Web Opinion Analysis), tramite un monitoraggio online sulle principali testate di settore, social network, blog, forum e community dedicate al mondo della cultura. I dati sono stati analizzati da 60 esperti tra sociologi e psicologi.

Gli esiti dell’indagine sono stati pessimi ed hanno dimostrazione la scarsa preparazione degli abitanti del Bel Paese.

Secondo gli esperti, la causa principale della pessima conoscenza, relativa a temi di cultura generale, deriva dalla scarsa propensione alla lettura, la quale sviluppa la capacità di immagazzinare informazioni nel lungo periodo.

Tra i principali strafalcioni:  “L’urlo di Munch”? Un film di Dario Argento. Dove si trova il “Cenacolo” di Da Vinci? A Roma, vicino al Colosseo. Giovanni Boccaccio? Ha dato vita a Don Abbondio e Don Rodrigo.“Amleto”? L’ha scritto Dante.

Vai all’articolo

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione