CUB. I precari ottengono giorni di ferie negati dal Dirigente

Stampa

inviato da CUB SUR MODENA – Oggi la Cub di Modena ha organizzato un volantinaggio all'Iti Vinci di Carpi, per esprimere solidarietà ai precari della scuola che sono in presidio permanente a Montecitorio in questi giorni.

inviato da CUB SUR MODENA – Oggi la Cub di Modena ha organizzato un volantinaggio all'Iti Vinci di Carpi, per esprimere solidarietà ai precari della scuola che sono in presidio permanente a Montecitorio in questi giorni.

I precari della scuola chiedono l'applicazione della sentenza della Corte di giustizia europea che ha condannato lo Stato italiano per la continua e illegittima reiterazione dei contratti dei precari. La Cub di Modena è solidale con loro e rivendica l'assunzione immediata a tempo indeterminato per il personale precario, sia delle graduatorie permanenti che d'istituto.

La scelta dell'Iti Vinci per l'iniziativa non è casuale: la dirigente del Vinci nei mesi scorsi, violando il Contratto nazionale (CCNL), ha negato ai docenti precari persino i giorni di ferie! Il CCNL prevede per i precari di 6 giorni di ferie all'anno (cioè 6 giorni retribuiti): la dirigente ha invece costretto i precari a prendere giorni di permesso non retribuito (con conseguente riduzione dello stipendio mensile e disagi vari) affermando che a loro, a differenza che al personale di ruolo, _e proprio in quanto precari (!) non spetterebbe il diritto a fruire di giorni di ferie._

Le proteste del personale della scuola hanno costretto la dirigente scolastica a fare marcia indietro, ma la Cub ritiene che questo non basti: continueremo la vertenza fino a quando la dirigente non convertirà i permessi precedentemente presi (e non retribuiti) in giorni di ferie (correttamente retribuiti), sanando la grave violazione del CCNL.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur