Crollo soffitto Brindisi, bimbi feriti. FLCGIL, si è evitata la strage

di redazione
ipsef

È stata evitata per un soffio la tragedia nel I circolo didattico Pessina di Ostuni.

È stata evitata per un soffio la tragedia nel I circolo didattico Pessina di Ostuni.

Due bambini e una insegnante sono rimasti feriti a causa del crollo di un’ampia e spessa superficie di intonaco dal solaio di un’aula.  Purtroppo non ci si può esimere dal constatare, al netto delle considerazioni sull’ennesimo caso di crollo, l’amara specificità di questo caso poiché la scuola era stata recentemente ristrutturata e aveva riaperto i cancelli soltanto il 7 gennaio di quest’anno.

Per la FLC CGIL DI Puglia e Brindisi a questo punto la scuola va chiusa in attesa dicontrolli immediati sulla tenuta di tutti i solai oltre che sulla verifica delle condizioni strutturali dell’intero edificio.

Quella di Ostuni resta una vicenda di inaudita gravità sulle cui responsabilità va fatta immediatamente chiarezza ma ciò non toglie che nel nostro paese  molti edifici scolastici versano in una situazione di gravità e fatiscenza per la cui messa in sicurezza servono due condizioni imprescindibili:

  1. adozione di un piano di investimenti ben più cospicuo dei 400 milioni previsti per il 2015 dal governo con il progetto “ Scuole sicure” – e che il governo intenderebbe paradossalmente eliminare dal DEF;
  2. certezza e garanzia di severità nei controlli e nell’individuazione delle responsabilità.

Crolla soffitto in una scuola di Ostuni. Edilizia scolastica ancora al centro delle polemiche

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare