Crocifissi in tutte le classi e tetto 30% stranieri a Trieste

di redazione
ipsef

item-thumbnail

E’ stato approvato dalla Giunta comunale di Trieste il nuovo regolamento delle scuole dell’infanzia, che sta scatenando polemiche.

Tra i punti principali, all’art. 7 si specifica che “al fine di garantire un’offerta educativa qualitativamente appropriata per tutti i bambini, in ciascuna sezione sono di norma presenti bambini di cittadinanza non italiana in misura non superare al 30% dei posti complessivamente disponibili”.

Inoltre all’art. 5 si legge che le famiglie possono decidere se far seguire le lezioni di religione ai bambini e che varrà il silenzio-assenso; si precisa al comma 5 che “in ciascuna Scuola è prevista la presenza del crocifisso”.

Il regolamento sta passando al vaglio delle Circoscrizioni prima di arrivare al voto in Consiglio comunale. Il capogruppo del Pd in V circoscrizione, Maria Luisa Paglia, si è rivolta anche al garante regionale dei diritti dei bambini, Walter Citti.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione