Criteri correzione orale Concorso Dirigenti Lombardia razionali ed equilibrati

di Lalla
ipsef

di Luigi Gaudio – La sensazione che si ricava dalla lettura dei criteri di correzione dell’orale in Lombardia è una sensazione positiva, come se, proseguendo nell’iter concorsuale, man mano le prove si facessero sempre meno arbitrarie e casuali e sempre più pertinenti con quello che effettivamente il Dirigente Scolastico andrà a fare.

di Luigi Gaudio – La sensazione che si ricava dalla lettura dei criteri di correzione dell’orale in Lombardia è una sensazione positiva, come se, proseguendo nell’iter concorsuale, man mano le prove si facessero sempre meno arbitrarie e casuali e sempre più pertinenti con quello che effettivamente il Dirigente Scolastico andrà a fare.

Ad esempio, il ridimensionamento delle competenze di informatica e inglese (solo 3 punti su 30 per entrambi gli ambiti) rassicura sul fatto che non sarà una eventuale caduta in questi due ambiti a determinare una bocciatura all’orale, ma la discussione sulle prime sei aree del bando (18 punti su 30), senza togliere valore al pur breve approfondimento a scelta all’inizio del colloquio (6 punti su 30).

Voglio sperare che l’iter proceda con celerità, e che, per il bene della scuola italiana, giunga presto a conclusione.

Criteri di correzione delle prove scritte del concorso DS – Lombardia

criteri di valutazione della prova orale del concorso a DS – Lombardia

Versione originale

Versione stampabile
anief anief
soloformazione