Crisi di governo, Renzi: “Assurdo il muro del M5S su Azzolina. Ora Draghi fino al 2023”

Stampa

Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, in una lunga intervista a La Repubblica, parla all’indomani dell’incarico assegnato a Mario Draghi per formare un nuovo governo. 

“Non ho niente da festeggiare. Sono solo felice di vedere una personalità come Draghi pronta a guidare il Paese”.

Poi Renzi spiega che il Recovery va riscritto integralmente: “Una buona squadra scrive il Recovery in tre giorni. Quello che è importante è evitare di spendere i soldi in micro-mance come quelle di molte misure della Legge di Bilancio e avere una visione strategica chiara”.

Renzi, poi, svela: “Per me serviva cambiare sia sulla giustizia che sulla scuola che sulla gestione commissariale. I 5S hanno scelto di fare la resistenza su tutti e tre. Mi domando se i gruppi grillini fossero a conoscenza che non solo la linea era “O Conte o morte”, ma addirittura “O Bonafede Arcuri e Azzolina o morte”.

Sulla possibilità di entrare nel nuovo governo: “Non sono della partita, sono troppo divisivo. Ho vissuto con molto dolore l’aggressione mediatica di queste settimane: l’odio e il pregiudizio non mi avevano mai fatto male come stavolta, devo confessarlo. Ma il fatto che a Palazzo Chigi stia per arrivare Draghi ci rinfranca per tutte le polemiche. Molti finalmente capiscono perché abbiamo fatto la crisi. Nonostante tutto, sì, ne valeva la pena”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur