Crisi di governo, Mattarella scioglie le Camere: elezioni il 25 settembre. Draghi: “Ora al lavoro su pandemia, guerra e inflazione”

WhatsApp
Telegram

Mario Draghi si è dimesso e il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato lo scioglimento delle Camere. Voto il 25 settembre. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dopo aver sentito i Presidenti dei due rami del Parlamento, ai sensi dell’articolo 88 della Costituzione, ha firmato il decreto di scioglimento del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, che è stato controfirmato dal Presidente del Consiglio dei Ministri. Lo rende noto il Quirinale.

Il decreto di discioglimento sarà consegnato ai Presidenti del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati dal Segretario Generale della Presidenza della Repubblica, Ugo Zampetti.

La data prevista per il voto, il 25 settembre, è stata confermata nel corso del Consiglio dei ministri presieduto dal premier dimissionario Mario Draghi. Che viene descritto da fonti presenti alla riunione “sorridente e sereno, non ha ancora fatto nessun accenno a quanto accaduto”.

Voto il 25 settembre: deposito simboli 12-14 agosto, candidature 21-22 agosto.

“Ho sciolto anticipatamente il Parlamento per indire nuove elezioni entro 70 giorni”. Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

“La situazione politica che si è determinata ha condotto a questa soluzione. Non ci sono le prospettive per dar vita a una nuova maggioranza. Con lo scioglimento delle Camere e nuove elezioni l’attività di governo è limitata. Ma il periodo che attraversiamo non consente pause: inflazione, pandemia, guerra in Ucraina e Pnrr. Mi auguro vi sia da parte di tutti un contributo costruttivo, nell’interesse dell’Italia”, conclude.

“Ora dobbiamo mantenere la stessa determinazione nell’attività che potremo svolgere nelle prossime settimane, nei limiti del perimetro che è stato disegnato. In particolare, dobbiamo far fronte alle emergenze legate alla pandemia, alla guerra in Ucraina, all’inflazione e al costo dell’energia. Dobbiamo portare avanti l’implementazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – anche per favorire il lavoro del Governo che ci succederà”, ha detto Draghi.

Crisi di governo, Draghi: “Grazie per tutto il lavoro fatto insieme”. Confermate le dimissioni a Mattarella [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici. Corso preparazione: 285 ore di lezione, simulatore Edises con 14mila quiz e modulo informatica. Nuova offerta a 299 euro