Crisi di governo, Letta: “Giorno folle per l’Italia”. Meloni: “Siamo pronti, si vota tra due mesi”

WhatsApp
Telegram

La crisi di governo è ormai arrivata al suo apice. Mario Draghi ha rassegnato le dimissioni irrevocabili. La palla adesso passa al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

“Una decisione folle, assurda, una giornata di follia”. Così il leader del Partito Democratico, Enrico Letta al Tg1. “Tre grandi partiti di questa maggioranza, in forme diverse, hanno deciso di mettere fino a questa esperienza” e “in particolare Berlusconi e Salvini, che hanno seguito la scelta di M5s di una settimana fa di aprire di fatto la crisi”, ha spiegato il segretario del Pd parlando di “un giorno triste e drammatico per l’Italia”.

“Vediamo cosa accade in queste ore, ma non dovete avere paura di essere liberi, di scegliere, di fare quello che vi dice la vostra coscienza: votate e scegliete, la nazione ha disperato bisogno di recuperare orgoglio e libertà”. Così la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni alla manifestazione a piazza Vittorio. “Crediamo che la legislatura debba dichiararsi conclusa, se tutto va bene si potrebbe votare tra due mesi. Noi siamo pronti, il centrodestra abbastanza pronto”, incalza la leader di Fdi.

Crisi di governo, Draghi verso le dimissioni: elezioni il 2 ottobre? Gli ultimi aggiornamenti

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur