Crisi di governo, il valzer delle poltrone: M5S fa quadrato su Azzolina, De Micheli e Lamorgese in bilico, Boschi in arrivo

Stampa

Il gran valzer delle poltrone o quasi. In contemporanea con la crisi generata dalla pandemia, il governo deve fronteggiare anche i malumori degli alleati pronti al rimpasto.

L’ultima ipotesi è quella di una crisi pilotata in cui il premier consegna le dimissioni al Presidente della Repubblica soltanto dopo che c’è un accordo tra i partiti che compongono l’attuale maggioranza. Il calendario della crisi offre la prima occasione per una resa dei conti già il 7 gennaio quando Conte porterà in Consiglio dei Ministri il Recovery Plan italiano.

Il 10 gennaio, invece, le forze di maggioranza dovrebbero trovare un’intesa per il rimpasto. Ci sono dei punti fermi con Gualtieri, Speranza, Di Maio che rimangono saldi all’Economia, alla Salute e agli Esteri. Situazione complicata agli Interni dove potrebbe arrivare Guerini con il “sacrificio” di Lamorgese. In bilico anche De Micheli, Catalfo e Pisano.

Secondo le ultime indiscrezioni, il M5S fa quadrato su Azzolina, che tra l’altro gode di un ottimo rapporto con Conte. La situazione nella scuola, però, rimane complicata, ma un cambio politico proprio in concomitanza della riapertura degli istituti sarebbe poco comprensibile agli occhi dell’opinione pubblica.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur