Crisi di governo, Calenda (Azione): “Un esecutivo di tecnici con Draghi premier e ministri Bonaccini, Zaia, Zingaretti e Gori”

Stampa

“Penso a un esecutivo di amministratori e tecnici, che siano dentro ma anche fuori dalla politica. L’Italia sta correndo rischi enormi e la politica deve essere all’altezza”.

Così il leader di Azione, Carlo Calenda, in un’intervista a ‘Il Mattino’ nella quale spiega perché é parlare di governo di unità nazionale non è un’eresia.

“Lo Stato non funziona come dovrebbe da decenni – dice riferendosi alle carenze registrate nella battaglia contro il Covid e l’attuazione del Recovery plan – la politica si occupa di tutto, tranne che di amministrare e gestire. Per questo la soluzione non può che essere una classe di amministratori pragmatici che non passano le giornate a innescare scontri ideologici e dire no a tutto”.

Per un esecutivo di questa natura “serve una figura di grande capacità: penso a Mario Draghi ma non penso sia l’unico”. Nella squadra potrebbero entrare “governatori come Bonaccini, Zaia, Zingaretti o il sindaco Gori. C’è tanta gente nella politica che ha fatto bene anche l’amministratore”.

La crisi innescata da Matteo Renzi, aggiunge Calenda senza mezze misure, “mi sembra una buffonata: se apri una crisi lo fai per cambiare governo e presidente del consiglio, se tutto questo si chiude con un Conte ter e tre nuovi ministri, assistiamo solo a una sceneggiata. Con l’aggravante di aver scatenato tutto questo con una pandemia in atto”.

Il voto anticipato, prosegue, “è una scelta molto estrema”, in questa fase emergenziale “sarebbe una pazzia”.

Venti di crisi e l’emergenza Covid-19, il governo Conte traballa: dopo l’Epifania la resa dei conti?

Stampa

Aggiornamento Ata: Puoi migliorare il tuo punteggio in tempi rapidi: corso di dattilografia a soli 99 euro. Contatta Eurosofia