Crisi di governo, Bucalo (FdI): “Il ritorno al voto non deve spaventare la scuola. La riforma del reclutamento ha trattato in modo vergognoso l’istruzione” [INTERVISTA]

WhatsApp
Telegram

La crisi di governo ha delle ripercussioni chiare anche sul mondo della scuola. L’eventualità che si possa andare alle urne anticipate è più che mai credibile.

A Orizzonte Scuola interviene Carmela Bucalo, responsabile scuola di Fratelli d’Italia, il partito che viene accreditato, dai sondaggi, del maggior numero di consensi: “Non credo che il ritorno alle urne rechi grossi danni all’istruzione. Mi preoccupa, invece, questo governo. L’esecutivo è rimasto immobile, preda dei giochi di palazzo. Siamo alle prese con una guerra, una pandemia che non è finita e altro ancora. Ritornare alle urne per garantire un governo che non fa promesse, che non fa chiacchiere e che dia le risposte penso che sia l’unica soluzione”.

E sulla scuola: “Anche sulla scuola si sono fatte tante promesse, si aspetta da anni l’aumento contrattuale. La riforma del reclutamento ha trattato in modo vergognoso il mondo della scuola. Sul ritorno in classe, invece, peggio di così non si può fare. Attendiamo ancora le linee guida sull’aerazione, davvero credo che fare peggio di come si è fatto è impossibile”.

Rinnovo contratto, ritorno in classe e riforma del reclutamento: la crisi di Governo può avere effetti negativi. I sindacati sono preoccupati

Crisi di governo, se mercoledì salta tutto, elezioni ai primi di ottobre. Legge di Bilancio a rischio e probabile ritorno alla Legge Fornero

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur