Crisi di governo, atti per l’emergenza Covid sono “affari correnti”. Spiraglio per il Decreto Ristori 5

Stampa

Sono da considerarsi ‘disbrigo di affari correnti’ anche tutti “gli atti urgenti – ivi compresi atti legislativi regolamentari ed amministrativi – necessari per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid 19 e ogni relativa conseguenza”.

Questo è quanto prevede la direttiva della Presidenza del Consiglio inviata ai ministri, vice ministri e sottosegretari di Stato nella quale vengono tratteggiati i limiti dell’azione del governo.

Il testo, secondo quanto raccolto, sembra aprire anche alla possibilità che il governo nel disbrigo degli affari correnti possa varare il decreto Ristori 5 per aiutare le categorie in difficoltà economiche per la pandemia.

Dunque potrebbero avere il via libera anche le misure riguardanti la scuola tra cui i ristori formativi chiesti dalla ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina. Il Consiglio dei Ministeri potrebbe svolgersi entro i primi giorni della prossima settimana. 

Il Consiglio dei ministri potrà essere convocato nei “limiti previsti” dalla stessa direttiva e “per l’approvazione degli atti urgenti, tra i quali vanno ricompresi l’esame delle leggi regionali e provinciali, ai sensi dell’articolo 127 della Costituzione e le delibere da adottare relative a procedimenti amministrativi con termini perentori (come, ad esempio, in materia di golden power)”.

Cosa si prevede con i ristori formativi

Si prevedono oltre 300 milioni di euro per recuperare i gap formativi dovuti all’applicazione di troppa didattica a distanza.  La fetta principale dei fondi andrà ai corsi di recupero. Per gli istituti del primo ciclo le nuove risorse serviranno a mettere in campo “attività didattiche compensative”. Si realizzerebbero corsi di consolidamento e recupero degli apprendimenti in presenza», da tenersi in orario extracurriculare, in primo luogo sulle competenze di base.

Per quanto riguarda invece le scuole secondarie, si punta a mettere in campo “iniziative di integrazione, recupero e sostegno degli apprendimenti”, secondo quanto previsto dalle disposizioni vigenti in materia di attività di recupero; e a realizzare “iniziative dirette al contrasto della dispersione scolastica generata”, che proprio nel secondo ciclo di istruzione sta aumentando con preoccupazione.

Con i restanti fondi si punterà a realizzare una corsia preferenziale per i tamponi rapidi e contact tracing, e a potenziare le attività di inclusione e di supporto e assistenza psicologica ai ragazzi.

 

 

 

Crisi di Governo, stop Recovery Plan per la scuola e “ristori formativi” di Azzolina. Cosa si ferma e cosa no

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione