Crepet sui social: “Sembrerebbero una democrazia ma non è così. Prima di tutto vengono le competenze”

WhatsApp
Telegram

“Io non pettino le persone per il verso del pelo, non le consolo. Mi sbalordisco dell’imbecillità della gente quando pensa che se i figli non hanno fatto le 7 di mattina ubriachi non sono “à la page“, che costruirsi un futuro è faticoso, come se l’unica cosa sensata della vita fosse dilapidare un capitare ereditato. Tutto questo non ha un senso. E a questo mi ribello, come uomo, professionista, intellettuale”.

Lo dice lo psichiatra Paolo Crepet a La Nazione, ribadendo alcuni concetti già espressi in precedenza.

Sui bulli, Crepet dice: “Sono degli impotenti. Ogni bullo è un impotente nel senso che, non avendo altri strumenti di idee, comportamenti o di interessante nella vita, si adatta a demolire l’altro. E’ nella demolizione degli altri ha una qualche ipotesi di crescita di sé, che puntualmente naufraga. Che tu abbia 25 anni o 15 non cambia“.

Lo psichiatra tocca anche il tema dei social: “Con i social tutti possono avere voce. Sembrerebbe una vera democrazia. Ma la democrazia è davvero far parlare tutti? In parte sì. Ma allora vuol dire che tutti hanno le stesse competenze? Evidentemente no. Allora si arriva alla parresia e bisogna andare a scomodare Socrate, Platone, Aristotele. Insomma, non funziona così: se tutti dicono la verità c’è confusione. E’ un qualcosa su cui oggi ci dobbiamo interrogare, all’alba di una nuova trasformazione digitale che è l’intelligenza artificiale. D’ora in poi, chi dirà la verità, un algoritmo? Io credo che, prima di tutto, si debba tener fermo il principio delle competenze“.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri