Crepet: “Gli insegnanti vanno pagati in base al merito. Fondi privati a scuola non sono uno scandalo”

WhatsApp
Telegram

Sulla questione delle gabbie salariali per il personale scolastico interviene a La Repubblica lo psichiatra Paolo Crepet.

Per Crepet l’avvento dei fondi privati a scuola non sono uno scandalo: “Lo sostengo da una vita”, afferma. Poi aggiunge: “Ricordo una scuola elementare di tanti anni fa che non riusciva a realizzare un programma di danza. Arrivò un’azienda privata che permise alla scuola di organizzarlo. Non c’è stato niente scandaloso. Quando la scuola è buona, attrae”.

Sugli stipendi degli insegnanti: “Il docente bravo deve guadagnare di più e deve essere valutato. Il problema della valutazione del docente è antico, già dai tempi di Berlinguer se ne parlava, i sindacati, però, erano contrari. E poi, come si fa a valutare il merito? I ragazzi, ad esempio, sanno perfettamente chi hanno davanti”

Il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, mercoledì scorso, in un webinar organizzato dal gruppo Gedi, aveva detto: “La scuola pubblica ha bisogno di nuove forme di finanziamento anche per coprire gli stipendi dei professori che potrebbero subire una differenziazione regionale e per trovarle, si potrebbe aprire ai finanziamenti privati”

Leggi anche

Stipendi docenti legati al costo della vita, la proposta piace ai presidi, opposizione attacca: “Si crea diseguaglianza”. Il ministro precisa: “Mai parlato di compensi diversi”

WhatsApp
Telegram

Storia di Giacomo Matteotti che sfidò il fascismo: una grande lezione di educazione civica per tutti. Webinar gratuito