Crepet, basta scuola del sei meno meno. Come si fa ad essere bocciati in questo paese?

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Dure le parole e pronunciate con grande enfasi, quelle dello psichiatra Paolo Crepet durante la giornata dell’insegnate pronunciate presso l’Hote Massimo D’Azeglio in occasione di un evento organizzato dalla Gilda.

Calo autorevolezza docenti

Abbiamo accettato – ha detto Crepet durante il suo intervento riportato da GildaTvla falsa democrazia di familiari entrati negli organi collegiali per giudicare il lavoro dei docenti”. Una scelta che, secondo lo psichiatra “a portato ad una sorta di inferno, per cui la signora di Verona o di Campobasso dice come dovete giudicare i figli vostri alunni. Questa è una scuola totalmente non meritocratica ha portato ad un calo della vostra autorevolezza.

Promozioni facili

Duro il suo intervento per quanto riguarda la valutazione degli studenti. Il suo riferimento è nei numeri dei promossi alla maturità che toccano il 99,5%. “Io sono andato alla ricerca di qualche rappresentante dello 0,5% di bocciati. Come fai ad essere bocciato in questo paese? Non basta essere ignoranti. Nel 99,5% ci sono capre, asini e nullafacenti. Infatti la classe dirigente è composta da gente che sbaglia i congiuntivi anche quando sta zitta.

Vittima il merito

Un fenomeno, quelle delle promozioni facili, che va tutto a discapito del merito. “Il merito – ha continuato, infatti – è una cosa ovvia, sacrosante, e chi non studia prende 4, ne ho presi tanti in vita mia e mi ha fatto bene. Cos’è questa scuola del sei meno meno, qual è il futuro di questa nazione?

Pensate che a Shanghai viene promosso il 99,5% degli studenti? – ha continuato – Non ci sono i bidelli perché c’è educazione. Qui insegnanti vengono legati alle sedie e genitori che dicono che sono ragazzate.

Qui abbiamo istituti a pagamento che basta respirare per essere promossi. – ha concluso – Uno è stato chiuso a Pordenone e frequentato da figli della borghesia del Nord-Est. Tanto chi se ne frega della formazione. Magari andrai in una Università in Albania per prendere una laurea. Poi i laureati in medicina in queste università, dove andranno ad operare? Quanti fegati avete?

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione