CPIA e valutazione e certificazione nei percorsi di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana: in allegato il certificato A2 QCER di conoscenza della lingua italiana

WhatsApp
Telegram

Anche i percorsi di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana (dei CPIA) per ciascuno degli ambiti previsti dall’allegato B.2 delle LINEE GUIDA (Ascolto; Lettura; Interazione orale e scritta; Produzione orale; Produzione scritta) sono soggetti ad apposita valutazione dei percorsi. Come più volte richiamato in altri articoli, sino ad adesso, la valutazione degli apprendimenti degli adulti nei CPIA è espressa con votazioni in decimi, senza utilizzare frazioni decimali, che indicano differenti livelli di apprendimento. Lo chiarisce come si legge la nota 22381 del 31-10-2019 del Ministero dell’Istruzione, Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione, Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione, a firma del direttore generale Maria Assunta Palermo. Ma cosa concorre a siffatta valutazione.

La valutazione dei percorsi di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana

La nota 22381 del 31-10-2019 del Ministero dell’Istruzione, Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione, Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione prescrive, chiaramente, che alla valutazione con votazione in decimi dell’ambito concorrono i livelli conseguiti per ciascuna delle competenze relative all’ambito medesimo come definite nell’allegato B. 1 delle LINEE GUIDA. Anche in questo caso sono comprese quelle competenze per le quali, a conclusione dell’iter della procedura di riconoscimento dei crediti e del necessario e indispensabile riconoscimento dell’esito, è stata disposta la possibilità di un esonero dalla frequenza del relativo monte ore, in misura che, di norma, non dovrebbe (ma in taluni casi, purtroppo, lo è) essere superiore al 50% del monte ore complessivo del periodo didattico frequentato. A tal fine, fermo restando la loro autonomia, i CPIA possono adottare, per la redazione del documento di valutazione, la seguente corrispondenza: Livello Iniziale = 6; Livello Base = 7; Livello Intermedio = 8; Livello Avanzato = 9/10; il Collegio dei docenti stabilisce i criteri per l’esatta corrispondenza del voto. ln caso di non raggiungimento del Livello Iniziale, il voto è espresso in decimi inferiore a 6. Anche in questo caso specifico, ovvero dei percorsi di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana, tale valutazione viene effettuata in maniera assolutamente collegiale dai docenti del gruppo di livello facenti parte del Consiglio di classe [articolo 7, comma 1, lettera a) del REGOLAMENTO]. I docenti, anche di altro grado scolastico, che svolgono attività e insegnamenti per tutti gli adulti o per gruppi degli stessi, diretti all’ampliamento e all’arricchimento dell’offerta formativa, forniscono elementi conoscitivi sull’interesse manifestato e sul profitto conseguito da ciascun adulto. Le operazioni di scrutinio sono presiedute dal dirigente scolastico o da suo delegato.

Quali competenze si accertano?

Si accertano le competenze di seguito indicate relative al livello A2 del Quadro Comune Europeo di riferimento per le lingue elaborato dal Consiglio d’Europa.

ASCOLTO

  • comprendere quanto basta per soddisfare bisogni di tipo concreto, purché si parli lentamente e chiaramente
  • comprendere espressioni riferite ad aree di priorità immediata quali la persona, la famiglia, gli acquisti, la geografia locale e il lavoro, purché si parli lentamente e chiaramente.

LETTURA

  • comprendere testi brevi e semplici di contenuto familiare e di tipo concreto, formulati nel linguaggio che ricorre frequentemente nella vita di tutti i giorni e/o sul lavoro.

INTERAZIONE ORALE E SCRITTA

  • far fronte a scambi di routine, ponendo e rispondendo a domande semplici
  • scambiare informazioni su argomenti e attività consuete riferite alla famiglia, all’ambiente, al lavoro e al tempo libero
  • scrivere brevi e semplici appunti, relativi a bisogni immediati, usando formule convenzionali.

PRODUZIONE ORALE

  • descrivere o presentare in modo semplice persone, condizioni di vita o di lavoro, compiti quotidiani
  • usare semplici espressioni e frasi legate insieme per indicare le proprie preferenze.

PRODUZIONE SCRITTA

  • scrivere una serie di elementari espressioni e frasi legate da semplici connettivi quali “e”, “ma”, “perché” relativi a contesti di vita sociali, culturali e lavorativi
  • scrivere una semplice lettera personale su argomenti e attività consuete riferite alla famiglia, all’ambiente, al lavoro e al tempo libero.

La Commissione effettua la valutazione sulla base dei criteri deliberati dal Collegio dei docenti

La valutazione delle competenze dei percorsi di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana per le quali, ad esito di una apposita procedura di riconoscimento dei crediti, è stato stabilito l’esonero dalla frequenza del relativo monte ore, in misura di norma non superiore al 50% del monte ore complessivo del percorso frequentato, è effettuata dalla Commissione (articolo 5, comma 2, del REGOLAMENTO); la Commissione effettua la valutazione dei percorsi di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana sulla base dei criteri per l’esatta corrispondenza deliberati dal Collegio dei docenti e trasmette gli atti ai docenti del gruppo di livello facenti parte del Consiglio di classe [articolo 7, comma 1, lettera a) del REGOLAMENTO] ai fini delle operazioni di scrutinio. La valutazione del comportamento degli adulti viene espressa collegialmente dai docenti attraverso un giudizio sintetico riportato nel documento di valutazione, secondo quanto specificato nel precedente punto 1.1, ultimo periodo. I percorsi di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana – come si legge la nota 22381 del 31-10-2019 del Ministero dell’Istruzione, Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione, Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione, a firma del direttore generale Maria Assunta Palermo – si concludono con uno scrutinio finale.

Lo scrutinio finale

ln sede di scrutinio finale dei percorsi di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana, i docenti del gruppo di livello [articolo 7 comma 1, lettera a) del Regolamento] accertano l’effettivo svolgimento del PSP, fermo restando che non possono essere ammessi alla valutazione finale gli adulti che non hanno frequentato almeno il 70% del percorso ivi previsto, fatte salve le eventuali motivate deroghe deliberate dal Collegio dei docenti. Al riguardo, si precisa che il monte ore del PSP è pari al monte ore complessivo del percorso sottratta la quota oraria utilizzata per le attività di accoglienza e orientamento (pari a non più del 10% del monte ore medesimo) e quella derivante dal riconoscimento dei crediti (in misura di norma non superiore al 50% del monte ore complessivo del percorso frequentato). Agli adulti che ad esito dello scrutinio finale risultano aver conseguito in tutti gli ambiti almeno il livello iniziale di apprendimento, viene rilasciato il titolo attestante il raggiungimento del livello A2 QCER di conoscenza della lingua italiana. Per gli adulti per i quali il PFI prevede una durata del percorso di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana tale da concludersi, comunque, entro e non oltre il mese di febbraio, il suddetto titolo attestante l’alfabetizzazione e l’apprendimento della lingua italiana – come si legge la nota 22381 del 31-10-2019 del Ministero dell’Istruzione, Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione, Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione – viene rilasciato ad esito dello scrutinio finale svolto al termine del percorso medesimo.

Certificato livello A2 lingua Italiana rilasciato dai CPIA

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur