Covid, verso le nuove misure: solo zone rosse e arancioni per tutto il mese di aprile ma scuole aperte fino alla prima media. Le ipotesi

WhatsApp
Telegram

Le misure attualmente in vigore scadono il 6 aprile, ma il governo già pensa al provvedimento che dovrà traghettare il Paese dopo la festività del 1 maggio. 

La cabina di regia sulle nuove misure anti-Covid tra il premier Mario Draghi e le forze di maggioranza, che avrebbe dovuto tenersi alle 16, è stata anticipata a mezzogiorno.

Su questo, come abbia già spiegato in precedenza, ci sarebbe un confronto molto animato fra le varie anime del governo: ed ecco che da una parte Lega e Forza Italia spingono per un progressivo allentamento e la conseguente reintroduzione della zona gialla ma dall’altra parte ci sono le altre forze politiche, guidate dal ministro della Salute, Roberto Speranza, che vogliono mantenere solo la zona rossa e zona arancione per tutto il mese di aprile con l’unica eccezione per le scuole: si ritornerà, se le condizioni lo consentiranno, in presenza anche nelle zone rosse fino alla prima media.

E anche nel corso del monitoraggio del Cts delle ore 14 si parlerà di scuola e dell’ipotesi di una eventuale riapertura dopo Pasqua.

Misure scuola zona rossa: cosa succede oggi

In questa zona sono sospesi i servizi educativi per l’infanzia (nidi e micronidi, sezioni primavera e servizi integrativi quali spazi gioco, centri per bambini e famiglie, servizi educativi in contesto domiciliare comunque denominati e gestiti).

Inoltre, le attività scolastiche e didattiche delle scuole di ogni ordine e grado (materne, elementari, medie, superiori, istituti tecnici etc.) si svolgono esclusivamente con modalità a distanza. Resta garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali. Così come in presenza sono garantite le attività di laboratorio.

Resta l’obbligo della mascherina dai sei anni in su.

Misure scuola zona arancione: cosa succede oggi

In questa zona, attualmente, l’attività dei servizi educativi per l’infanzia (asili nido), delle scuole dell’infanzia (ex scuola materna) e per il primo ciclo di istruzione (ex scuole elementari e medie) continua a svolgersi integralmente in presenza.

Le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado (licei e istituti professionali) adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, in modo che almeno al 50 per cento e fino a un massimo del 75 per cento degli studenti sia garantita l’attività didattica in presenza. La restante parte degli studenti partecipa alla didattica a distanza. Resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata.

I Presidenti delle Regioni potranno disporre la sospensione dell’attività scolastica e degli asili nido:
– nelle aree in cui abbiano adottato misure più stringenti per via della gravità delle varianti;
– nelle zone in cui vi siano più di 250 contagi ogni 100mila abitanti nell’arco di 7 giorni;
– nel caso di una eccezionale situazione di peggioramento del quadro epidemiologico.

Resta l’obbligo della mascherina dai sei anni in su.

ISCRIVITI al canale You Tube di Orizzonte Scuola

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur