Covid, Vella: “Abbiamo ancora troppe persone infette in giro”

Stampa

Nell’Italia alle prese con l’emergenza coronavirus, “abbiamo ancora troppe persone infette in giro. E con questa variante il virus gira e colpisce anche le persone giovani, come è accaduto con il calciatore Daniele De Rossi”.

Così l’infettivologo Stefano Vella, docente di Salute Globale all’università Cattolica di Roma, intervenuto ad ‘Agora’ su Rai3.

“Probabilmente abbiamo molti più infetti di quelli che vediamo, perché i numeri quotidiani dei contagi riguardano solo quelli che hanno fatto il tampone. La soluzione è: rimediare i vaccini e vaccinare”. 

In merito alle riaperture, l’esperto ha spiegato che “potremmo permettercele quando i dati lo consentiranno. Abbiamo già fatto tre errori in passato e la gente, ora, si fida meno. Abbiamo già detto chiudiamo poi riapriamo per un estate tranquilla. Lo abbiamo ridetto a Natale e lo abbiamo fatto, adesso, con Pasqua. Ora, però, abbiamo anche i vaccini”.

Per Vella la strada è riuscire a riaprire “con la copertura vaccinale, come hanno fatto in Israele”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur