Covid, vaccinazione di docenti e Ata ferma al palo: sempre il 15% senza nemmeno una dose. Tutti i dati

Stampa

Sono ancora oltre 221mila i componenti del personale scolastico in Italia che non hanno ricevuto nemmeno una dose di vaccino anti-Covid.

Una cifra pari al 15,15% del totale, secondo il report settimanale del Commissariato all’emergenza. Nell’ultima settimana hanno ricevuto l’inoculazione meno di 2mila tra docenti e ausiliari. L’85% del personale ha ricevuto la prima dose mentre è totalmente immunizzato il 78,20%.

In Sicilia quasi uno su due non ha ricevuto nemmeno una dose (60.540, il 43,24%), in Calabria il 31,95%, in Liguria il 34,77%, nella Provincia di Bolzano il 38,17% e in quella di Trento il 23,33%. Situazione difficile anche in Sardegna (33,34) e in Umbria (24,97), mentre le altre aree hanno tutte percentuali di personale docente e non docente in attesa sotto il 18,8% dell’Emilia-Romagna con i casi virtuosi di Friuli-Venezia Giulia, Campania, Lazio e Molise che hanno rispettivamente zero (le prime due) e 144 e 15 persone non vaccinate (lo 0,12 e lo 0,19 per cento) nella categoria personale scolastico.

In Italia dall’inizio della campagna vaccinale sono state somministrate oltre 60 milioni di dosi di vaccini (per l’esattezza 60.196.129).

Le persone che hanno completato il ciclo sfiorano intanto i 26 milioni (25.988.014). In continuità rispetto ad una settimana fa, si è registrato un incremento delle somministrazioni a livello nazionale pari a oltre 4 milioni, con una media giornaliera ben superiore a 500mila.

Superano invece i 2,5 milioni i cittadini nella fascia di età tra i 50 e i 59 anni che non hanno ancora ricevuto neanche la prima dose. In base ai dati contenuti nel Report, sono 2.547.930, pari al 26,40% del totale.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur