Covid-19, termoscanner nelle scuole. Risoluzione approvata in aula alla Camera

Stampa

Lotta al Covid 19: il centrodestra aveva presentato in Aula alla Camera una risoluzione con più punti, dei quali sono stati accettati la proposta di introduzione dei termoscanner all’ingresso delle scuole o delle singole classi e tensostruture all’interno degli edifici scolastici per aumentare gli spazi a disposizione degli alunni. 

Il commento del sindacato Gilda, che ricorda come questa proposta sia stata una loro richiesta fin dal mese di maggio ma che finora ha incontrato il parere contrario del Ministero dell’istruzione.

“Apprezziamo che finalmente abbia trovato ascolto la nostra proposta sui termoscanner, avanzata sin dagli inizi della discussione sul protocollo di sicurezza nelle scuole. Peccato, però, che si chiuda il recinto quando ormai i buoi sono scappati”. Così Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commenta la richiesta, contenuta in una risoluzione prima accolta dal Governo e poi presentata e approvata in aula alla Camera, di installare i termoscanner per la rilevazione della temperatura agli alunni e al personale all’ingresso delle strutture scolastiche o delle classi.

“Dal lontano mese di maggio chiediamo che venga applicata questa misura – ricorda Di Meglio – ma abbiamo sempre incontrato una netta chiusura da parte del ministero dell’Istruzione che ha preferito insistere affinché siano i genitori a misurare la temperatura dei loro figli prima di andare a scuola. Una soluzione che, per chi come noi è pratico del mestiere e sa bene come funzionano certi meccanismi, abbiamo sempre ritenuto poco praticabile”.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia