Covid, Speranza: “Il sistema dei colori sarà confermato dopo il 6 aprile. Il vaccino? L’arma più efficace”

Stampa

Lunga intervista del Ministro della Salute Roberto Speranza rilasciata al quotidiano La Stampa in cui fa il punto della situazione emergenza covid, spiegando che il sistema dei colori resterà anche dopo il 6 aprile, giorno in cui scadrà il Dpcm attualmente in vigore. Inoltre, traccia un primo bilancio positivo sulla ripresa della vaccinazione.

So che gli italiani sono provati dalle restrizioni ma con il decreto Sostegni mettiamo in campo oltre 150 mila tra medici di famiglia, odontoiatri, pediatri, specializzandi e specialisti ambulatoriali. In più avremo 19 mila farmacie dove ci si potrà vaccinare e fino a 270 mila infermieri da coinvolgere nella campagna che, appena avremo più dosi, potrà accelerare l’uscita dall’emergenza“, ha detto il ministro Roberto Speranza che ha confermato come la scelta del sistema a colori resterà anche dopo il 6 aprile alla scadenza del dpcm che lo ha reiterato. “La scelta è stata confermata dagli ultimi decreti del governo e credo sia la più efficace a rendere le misure proporzionali alla differente situazione epidemiologica dei territori. Per cui sì, sarà confermata“.

Covid, i colori delle regioni: ecco le nuove ordinanze firmate da Speranza. Cosa cambia da lunedì 22 marzo. Liguria prolunga DaD [VIDEO]

Sulla ripresa del vaccino AstraZeneca, Speranza dice che “il grande lavoro di questi giorni permette di ricominciare a correre nelle vaccinazioni” e  che “le primissime reazioni sono di fiducia. Servirà ancora qualche giorno per capire come va, ma gli italiani sono consapevoli che il vaccino è l’arma più efficace per uscire da questa stagione così difficile, che vede ancora la maggior parte della popolazione dover fare i conti con le restrizioni delle aree rosse“.

Inoltre, “se uno rifiuta dobbiamo darlo immediatamente ad altri. Fuori dalle indicazioni delle autorità sanitarie non ha senso scegliere il vaccino perché sono tutti sicuri ed efficaci. E soprattutto sono tutti capaci di proteggere dalle forme gravi di malattia“.

ISCRIVITI al canale You Tube di Orizzonte Scuola

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile