Covid, Speranza: “I giovani hanno pagato il prezzo più alto. Non è facile spiegare questo tempo ai miei figli”

WhatsApp
Telegram

Durante i due anni di pandemia Covid “i giovani hanno pagato il prezzo più alto” e “il nostro obiettivo nelle prime” dell’emergenza “è stato salvare le vite, difendere il diritto alla vita e alla salute. E questo messaggio di difesa del diritto alla vita, in queste ore drammatiche di incrocio dei destini in cui c’è una sovrapposizione tra pandemia e guerra, ci restituisce il valore essenziale della vita”.

Lo ha il ministro della Salute Roberto Speranza nel suo intervento all’evento ‘(In)Adatti: Covid e adolescenti – Gli effetti della pandemia sulla salute psico emotiva dei giovani’ organizzato da Scholas Italia.

Il ministro della Salute ha ricordato ai ragazzi presenti che “nessuna scelta è stata fatta a cuor leggero” e ha poi sottolineato che “non è facile spiegare questo tempo ai miei figli di 8 e 10 anni, è stato difficile per loro affrontare la pandemia, il distanziamento e il non poter abbracciare i compagni e le maestre, e ora – ha evidenziato dobbiamo spiegare la guerra, quindi ci si chiede qual è la normalità? Ma penso che noi dobbiamo continuare a guardare al futuro con fiducia”.

Il tema di fondo, secondo Speranza, è “la difesa della vita, la difesa dell’esistenza delle persone come valore essenziale. Questo è stato il faro che ci ha guidato in quel tempo, con enormi problematiche e difficoltà. Nessuna scelta è stata fatta a cuor leggero, con una guerra che purtroppo oggi ci entra in casa”.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo, ecco il bando. Corso di preparazione: proroga prezzo scontato 120 euro al 31 maggio