Covid, Sinopoli (Flc Cgil): “Obbligo vaccinale solo come ultima istanza. Intervenire su spazi e organici aggiuntivi”

WhatsApp
Telegram

 “Nell’ordine penso che per prima cosa si debba valorizzare il fatto che è vaccinato 86% del personale, riconoscere che ciò si è raggiunto nonostante la gestione della campagna vaccinale, dal punto di vista dell’informazione, non abbia brillato (peraltro ad un certo punto hanno cancellato la priorità al personale scolastico). Si deve quindi fare uno sforzo in più su questo versante e partire dal green pass come strumento di incentivazione lasciando l’obbligo come ultima istanza considerando anche i diversi contesti territoriali che hanno gradi di copertura diversi”.

Lo afferma all’Adnkronos Francesco Sinopoli, segretario generale Flc Cgil, in merito all’obbligatorietà del vaccino contro il Covid-19 per i docenti.

Bisogna tuttavia essere consapevoli che se vogliamo davvero realizzare l’obiettivo della scuola in presenza per tutte e tutti – sottolinea Sinopoli – la vaccinazione, assolutamente da completare di tutto il corpo docente, non è un sostituto di altri interventi necessari che devono essere realizzati contestualmente, su cui registriamo ritardi enormi perché gli studenti non saranno vaccinanti in larghissima parte”.

Dalla gestione degli spazi e degli organici aggiuntivi per sdoppiare le classi sovraffollate e rafforzare i servizi di igienizzazione, a quella dei trasporti locali. – conclude Sinopoli – La forte impressione è che siamo già in una condizione peggiore di quella dello scorso anno“.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur