Covid, scoppia focolaio dopo campeggio estivo in Puglia. 34 ragazzi positivi. Asl rassicura: “Situazione sotto controllo”

Stampa

Focolaio Covid tra ragazzi di tutta Italia dopo un campeggio estivo in Puglia. 34 casi positivi in Lombardia, Lazio e Campania oltre che Puglia: gli studenti, tutti dai 16 ai 19 anni, avevano partecipato al viaggio organizzato da Scuolazoo nella zona di Manfredonia, all’African Beach di Ippocampo.

Un appuntamento nel quale sarebbero saltate in più occasioni le mascherine e le distanze di sicurezza e al quale hanno partecipato 400 ragazzi, rientrati a casa il 1° luglio: tutti i partecipanti sono stati sottoposti a tampone dopo il manifestarsi dei primi lievi sintomi fra i contagiati.

Il caso è stato segnalato al ministero della Salute che sta procedendo con il contact tracing attraverso le Regioni e le Asl: il timore è che i contagiati, magari senza sintomi, siano molti di più. Circa quaranta, al momento, le persone in isolamento in tutta Italia.

“Era un gruppo composto da circa 400 ragazzi, quasi tutti minorenni, che ha soggiornato nella nostra struttura dal 24 giugno al primo luglio”, afferma Vincenzo Picardi, amministratore del villaggio African beach di Ippocampo.

“Durante la permanenza nella nostra struttura non abbiamo avuto alcun tipo di segnalazione di casi. Siamo stati contattati dall’Asl di Rieti e da quella di Roma 4 che ci segnalavano la presenza di alcuni ragazzi positivi. A quel punto abbiamo informato l’Asl di Foggia. Sono scattati immediatamente i protocolli del caso. In primis sono stati eseguiti tamponi a tutti il personale. Poi abbiamo fornito loro i dati relativi ai nostri ospiti per effettuare un eventuale tracciamento”.

La nota dell’Asl Foggia

“La Asl di Foggia, allertata dal ministero della Salute, ha immediatamente applicato tutti i protocolli previsti in materia di indagine epidemiologica, tracciamento e isolamento. Ad oggi la situazione è assolutamente sotto controllo”.

Lo ha reso noto la Regione Puglia in riferimento ai casi di Covid-19 rilevati tra alcuni adolescenti di età compresa tra 17 e 19 anni, dopo una vacanza trascorsa in una struttura turistica a Manfredonia (Foggia).

Ad oggi, nell’ambito dell’attività di tracciamento collegata a questo cluster, “sono stati effettuati in tutta Italia circa 400 tamponi, al momento, sono 34 i ragazzi risultati positivi”.

La nota di Scuolazoo

Durante la vacanza, nessun partecipante ha segnalato allo staff ScuolaZoo sintomi riconducibili al Covid-19. L’organizzazione ha avuto notizia del primo caso di positività quando tutti i partecipanti erano già rientrati a casa. A quel punto si è immediatamente attivata, collaborando con le autorità sanitarie delle regioni dove erano domiciliati i viaggiatori per facilitare il contact tracing e sottoponendo a tampone molecolare tutto lo staff ScuolaZoo presente in loco grazie ad un operatore sanitario che per policy del tour operator è sempre presente quando ci sono dei viaggiatori minorenni. Tutti i tamponi effettuati allo Staff ScuolaZoo hanno dato esito negativo.

– La struttura turistica ospitante ha seguito tutte le disposizioni in materia di sanificazione degli spazi: dopo le prime segnalazioni di positività, ha effettuato tamponi molecolari al proprio staff e agli altri ospiti, tutti risultati negativi.

– La ASST di Foggia come da nota stampa della Regione Puglia di questa mattina, 9 luglio, ha dichiarato che “la situazione è assolutamente sotto controllo” precisando che nell’ambito dell’attività di tracciamento collegata a questo cluster, “sono stati effettuati in tutta Italia circa 400 tamponi, al momento, sono 34 i ragazzi risultati positivi”.

– ScuolaZoo raccomanda il rispetto delle normative vigenti in materia di igiene, distanziamento, e uso dei dispositivi di protezione, sia durante i trasporti che durante le attività organizzate dalla Società stessa.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur