Covid, in Veneto quasi 4000 positivi tra gli alunni più piccoli: difficile trovare supplenti

WhatsApp
Telegram

Contagi in aumento in Veneto, quasi 4000 positivi fra gli studenti fino alla terza della secondaria di primo grado. Un problema trovare supplenti che possano sostituire i docenti in malattia. Lo spiega a Il Mattino Sandra Biolo della Cisl Scuola.

Nelle scuole per l’infanzia e primarie, la situazione rischia di essere drammatica” afferma Biolo. “Gli insegnanti abilitati sono pochissimi. In compenso i maestri di ruolo vanno in pensione, mentre il numero chiuso delle facoltà universitarie non consente di formare nuove figure. I pochi insegnanti abilitati disponibili sono già stati chiamati per coprire i posti vacanti“.

E c’è di più: “I malanni di stagione stanno iniziando a diffondersi nelle aule, visto che quest’anno non c’è più la mascherina a proteggere ragazzi e professori. E quando questi ultimi cominceranno ad ammalarsi, non solo di Covid, sarà impossibile riuscire a sostituirli, soprattutto nelle scuole del primo ciclo“.

L’accesso al corso di laurea in Scienze delle formazione primaria, titolo abilitante e titolo di accesso valido per diventare insegnante di scuola dell’infanzia e primaria, è infatti a numero chiuso.

Nella seconda fascia delle graduatorie gli studenti che, nell’anno accademico 2021/2022, risultano iscritti al terzo, quarto o al quinto anno del corso di laurea in Sfp, e che abbiano – rispettivamente – almeno 150, 200 e 250 CFU.

No Dad per i positivi

Quest’anno non è prevista la didattica digitale integrale per gli studenti positivi.

Così una FAQ ministeriale:

Gli alunni positivi possono seguire l’attività scolastica nella modalità della didattica digitale integrata?

No. La normativa speciale per il contesto scolastico legata al virus SARS-CoV-2, che consentiva tale modalità, cessa i propri effetti con la conclusione dell’anno scolastico 2021/2022

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur