Covid, oggi alla Camera il voto per la mozione sulla riapertura di tutte le scuole

Stampa

Dopo le centinaia di mobilitazioni del mondo della Scuola organizzate da studenti, insegnanti e genitori da un anno sul territorio nazionale per chiedere la riapertura di tutte le scuole in presenza, sicurezza e continuità, finalmente qualcosa accade in Parlamento.

Oggi, martedì 6 aprile, infatti, alla Camera sarà presentata la prima mozione per chiedere conto al Governo della prolungata chiusura delle scuole.

Priorità alla Scuola chiede un voto trasversale di tutti i partiti dell’arco costituzionale a favore della mozione nella speranza che il presidente del Consiglio e il Governo prestino finalmente ascolto a questa delicata questione, che mette gravemente in crisi il benessere psicofisico di milioni di bambini e ragazzi. Non è possibile, infatti, riaprire solo le scuole fino alla prima media: è urgente programmare la riapertura di tutte le scuole, anche per i ragazzi delle classi seconde e terze delle secondarie di primo grado e delle superiori.

Per questo motivo oggi centinaia di mail di genitori, studenti e insegnanti scriveranno ai capigruppo dei partiti alla Camera (Crippa, Boschi, Fornaro, Lollobrigida, Molinari, Occhiuto, Serracchiani, Schullian) per chiedere di votare a favore della mozione che chiede la riapertura di tutte le scuole. Questo è il testo della mail:

Gentili capogruppo dei partiti alla Camera,
ascoltando le richieste di migliaia di studenti e studentesse, docenti e genitori, sollecitati dal movimento Priorità alla Scuola, oggi in aula sarà presentata una mozione che chiede la riapertura in presenza delle scuole di ogni ordine e grado su tutto il territorio italiano. Vi chiediamo di votarla e di farla votare ai vostri deputati, per porre fine al grave danno all’istruzione di bambine e bambini e adolescenti e al loro disagio pisco-fisico.
Disagio che provano anche molti docenti, anch’essi con gravi difficoltà sul lavoro e sempre più consapevoli che nei ragazzi si sta insinuando apatia e demotivazione nel seguire le lezioni a distanza.
Un disagio che in questi giorni, a un anno intero dalla prima chiusura delle scuole, è confermato dalle migliaia di lettere di adolescenti che raccontano la loro pandemia pubblicate da giornali autorevoli.
Disagio confermato anche dai primari dei reparti psichiatrici infantili che denunciano un aumento esponenziale dei tentativi di suicidio, di autolesionismo e di disturbi alimentari fra gli adolescenti.
Una richiesta la nostra che vede una ragione anche nel recente rigetto da parte del Consiglio di Stato dell’appello proposto dall’Avvocatura di Stato contro l’ordinanza del Tar Lazio n.1947/21 che ha decretato che le scuole, di ogni ordine e grado devono riaprire tutte, indipendentemente dal colore assegnato a ciascuna regione. Pertanto ci appelliamo alla vostra coscienza e lungimiranza e vi chiediamo di votare tale mozione.
Priorità alla scuola.

Il comitato Priorità alla Scuola, inoltre, ha chiesto audizione alla VII Commissione (Cultura, Scienza e Istruzione) della Camera e alla VII Commissione permanente (Istruzione pubblica, Beni culturali) del Senato.

Domani, mercoledì 7 aprile, primo giorno di scuola dopo le vacanze pasquali, riprendono le mobilitazioni di protesta davanti alle scuole per chiedere la riapertura di tutti gli istituiti scolastici, in presenza, sicurezza e continuità, in diverse città, tra cui Milano, Firenze, Pisa, Faenza.

Milano

Ore 11, Piccolo Teatro Aperto, via Rovello, gli studenti in DAD

Bologna

Dalle 8 alle 9, piazza Maggiore 6, palazzo d’Accursio, presidio

Faenza

Dalle 8 alle 13, liceo Torricelli-Ballardini, via Santa Maria dell’Angelo 48, lezioni in DAD in presenza

Bagno a Ripoli (FI)

Dalle 8.30 alle 13.30, via Belmonte 40, Istituto Redi Caponnetto, lezioni in DAD in presenza

Sabato 10 aprile Priorità alla Scuola aderisce alla giornata di mobilitazioni organizzata  dalla Società della Cura.

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile