Covid, Miozzo “Zero illusioni, sarà un altro anno da vivere in emergenza”

Stampa

Sarà un altro anno all’insegna dell’emergenza Covid? Probabilmente sì, da settembre la situazione non cambierà più di tanto.  A La Stampa interviene Agostino Miozzo, ex coordinatore del Comitato tecnico scientifico, poi consulente del ministro dell’Istruzione.

“Non facciamoci illusioni, sarà un altro anno da vivere in emergenza, la scuola apre domani e miracoli non se ne fanno. Purtroppo è logico aspettarsi nuove sospensioni dell’attività in presenza”.

Secondo Miozzo, per via della variante Delta, “da qui a settembre vedremo un rialzo dei contagi”.

Poi aggiunge:“L’anno scolastico inizierà seguendo le note procedure di emergenza, con la variante Delta che imperverserà e circolerà soprattutto attraverso i giovani. Dovremo potenziare gli altri strumenti di controllo: gli screening all’ingresso, i tamponi periodici, il tracciamento. Sono cose che vanno pianificate adesso, lavorando con le strutture sanitarie locali, perché settembre è domani”.

Vaccinare i più giovani sarà fondamentale anche per eliminare l’obbligo di mascherina in classe: “Credo che, per togliere la mascherina in classe, sarà necessario aumentare considerevolmente la percentuale dei vaccinati nella fascia tra i 12-19 anni. Oltre, ovviamente, completare o quasi l’immunizzazione del personale scolastico”.

Obbligo vaccinazione per docenti e ATA reticenti, Miozzo: “Sì, se ti puoi vaccinare e ti rifiuti, non puoi andare in classe”

Stampa

Eurosofia: TFA SOSTEGNO VI CICLO, cosa studiare? Oggi alle 16.00 ne parliamo con gli esperti