Covid, l’Italia sempre più bianca: altre regioni nella fascia con minori restrizioni. Cosa cambia da lunedì 7 giugno

Stampa

L’Italia sempre più bianca. Dopo Sardegna, Molise e Friuli Venezia Giulia, nella fascia di rischio covid più bassa già dal 31 maggio, da domani 7 giugno anche Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto saranno un po’ più libere.

Per questi territori niente coprifuoco, riaperture e regole nuove nei ristoranti, con 6 persone al tavolo al chiuso e nessun limite all’aperto.

E se il trend attuale verrà confermato – Rt a 0.68 e l’incidenza sotto i 50 casi per 100mila abitanti registrata nelle ultime tre settimane – da lunedì 14 giugno anche Lombardia, Lazio, Emilia Romagna, Piemonte, Puglia e provincia di Trento diventeranno bianche.

Se nella zona gialla c’è ancora il coprifuoco, da domani non più dalle 23 ma dalle 24 alle 5, per chi si trova in fascia bianca il coprifuoco viene abolito immediatamente. Ciò vuol dire che non è più necessario rientrare a casa entro una certa ora: ci si può insomma spostare spostare senza limiti di orario. Orari liberi anche per i locali pubblici.

Le nuove regole prevedono che in zona bianca all’aperto non ci sono limiti di persone ai tavoli (tra i quali deve esserci comunque il distanziamento di un metro, mentre nei bar e nei ristoranti al chiuso potranno sedere allo stesso tavolo massimo sei persone salvo che siano tutti conviventi.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur