Covid, le tre regioni a rischio alto secondo l’ISS

Stampa

Il report dell’ISS mostra che ci sono tre regioni con rischio alto. Ecco cosa dice il monitoraggio settimanale.

Lazio, Liguria e Veneto sono classificate come regioni a rischio alto in relazione all’emergenza coronavirus in Italia.

E’ quanto emerge dal report Istituto superiore di sanità-ministero della Salute con il monitoraggio settimanale dell’epidemia di Covid, nella bozza in possesso dell’Adnkronos Salute. “Nessuna di queste è stata classificata a rischio alto per 3 o più settimane consecutive“.

Nella settimana di monitoraggio “si continua ad osservare nella maggior parte delle Regioni e province autonome un rischio moderato o alto con cinque regioni e province autonome a rischio basso di una epidemia non controllata e non gestibile“.

Si tratta di Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Sicilia.

L’incidenza di Covid-19 in Italia “rimane ancora troppo elevata e l’impatto dell’epidemia è ancora sostenuto nella maggior parte del Paese. Tale situazione non permette un allentamento delle misure adottate nelle ultime settimane e richiede addirittura un rafforzamento delle stesse in alcune aree del paese“.

Nella settimana dal 7 al 13 dicembresi osserva per la prima volta un segnale di controtendenza nella trasmissibilità” di Covid-19 “rispetto alla settimana precedente nell’intero Paese, con il ritorno di tre Regioni ad una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 2: Lazio, Lombardia e Veneto.

Questo – ricorda il report – si realizza in un contesto europeo caratterizzato da un nuovo aumento nel numero di casi in alcuni Paesi come Regno Unito, Olanda e Germania e una mancata diminuzione dei casi con stabilizzazione della curva epidemica in altri, per esempio in Francia e Spagna“.

 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur