Covid, la ventilazione meccanica nelle aule abbatte il rischio di contagio fino all’80%. Ricerca Regione Marche

WhatsApp
Telegram

L’utilizzo della Ventilazione meccanica controllata (Vmc) nelle aule scolastiche, a seconda della portata di metri cubi/ora del macchinario, abbatte il rischio di trasmissione di coronavirus tra il 40% e l’82,5% (quest’ultimo con macchine che permettono 4,67-6,66 ricambi d’aria ogni ora). 

È il risultato dello studio condotto per la Regione Marche in collaborazione con la Fondazione Hume, presieduta da Luca Ricolfi. Nel 2021 la Regione ha stanziato circa 9 milioni di euro per installare impianti di Vmc in aule scolastiche, per rendere più salubre l’aria anche in chiave ‘anti-Covid’: sono finora circa 500 le aule ‘coperte’ da Vmc che, con i fondi, potrebbero salire a 2.250 (20% del totale nelle Marche).

Lo studio, presentato in una conferenza stampa con il presidente della Regione Francesco Acquaroli e gli assessori Francesco Baldelli (Edilizia scolastica), Giorgia Latini (Istruzione) e Filippo Saltamartini (Sanità), ha riguardato circa 300 classi (3% del totale) con installati macchinari di Vmc, comparate con le altre classi nelle quali non c’è Vmc, per incidenza di positivi al Covid. Ciò per stimare l’efficacia della Ventilazione meccanica controllata, considerando i cluster covid (2 o più casi) verificati.

“Fatto 100 il rischio di contagio senza ventilazione meccanica controllata – ha spiegato il prof. Ricolfi in video collegamento, a proposito dei dati emersi dallo studio -, questo scende a 60 con Vmc in bassa portata, a 33 con impianti 500-700 metri cubi, fino a 17,5 con 700-1000 metri cubi ora, oltre un quinto”. Ricolfi ha fatto anche un parallelo tra Vmc e vaccino in tema di abbattimento del rischio di trasmissione.

“Il vaccino è fondamentale e insostituibile per la protezione da malattia grave e morte – ha spiegato – però è meno efficace dal punto di vista della trasmissione: secondo l’Iss l’abbattimento del rischio è poco più di dimezzato. La Vmc ha un fattore di abbattimento che può essere superiore a cinque: per il rischio di trasmissione la Vmc ha una capacità di ‘contenere’ il virus almeno doppia rispetto a quella del vaccino”.

Sasso: “Ci avevamo visto giusto”

 “Accompagnare la campagna vaccinale con investimenti massicci per installare in tutte le scuole italiane impianti di aerazione, ventilazione e sanificazione. Lo avevo chiesto personalmente a gran voce appena insediato un anno fa e la Lega, dove ne ha avuto la possibilità, ci ha puntato con decisione: avevamo visto giusto. La Regione Marche, su impulso dell’amica Giorgia Latini assessore all’Istruzione, ha fatto un grande lavoro su tali dispositivi e un report presentato oggi certifica un abbattimento dell’80% del rischio di contagio nelle scuole in cui sono stati installati. Il ministero della Salute, nonostante gli appelli dello stessa Organizzazione mondiale della sanità, fino a oggi si è limitato a raccomandare di tenere le finestre aperte nelle aule per cambiare l’aria”.

Lo scrive, in un post su Facebook, il sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso.

“L’aerazione e la ventilazione meccanica non possono restare ancora fuori dalle linee guida ministeriali e dovranno imprescindibilmente essere previste nei progetti di scuole che saranno costruite o ristrutturate con i fondi del Pnrr. Cambiamo passo per il bene della scuola italiana”, aggiunge.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo, corso di preparazione valido per preselettiva, scritto ed orale. Con esempi. Ultimi giorni a prezzo scontato