Covid, indicazioni del Cts: “Tutte le scuole chiuse nelle zone rosse o nelle aree ad alta incidenza di casi”

Stampa

Didattica a distanza nelle scuole di ogni ordine e grado, e quindi edifici scolastici chiusi, nelle regioni,  province e comuni in zona rossa, nelle zone ad alta incidenza (250 casi ogni 100mila abitanti in sette giorni) e in tutte le aree dove  sono state adottate misure stringenti di isolamento “in ragione della  circolazione di varianti virali con alto rischio di diffusività”.

È questa l’indicazione contenuta nel verbale che il Cts ha stilato al termine delle due riunioni che si sono tenute, ieri sera e questa mattina, per rispondere al quesito posto dai governatori sull’impatto della scuola sulla curva alla luce della circolazione delle varianti.

Le indicazioni potrebbero essere inserite come nuove misure di contenimento nel prossimo DPCM.

Inoltre, la durata delle chiusure delle scuole nelle zone rosse o dove si presenti alta incidenza deve essere rivalutata almeno ogni 7 giorni, sulla base dell’aggiornamento settimanale dei dati.

 

Nuovo DPCM: scuole superiori fino al 75%, resta obbligo mascherina, organi collegiali a distanza, stop gite, sì PCTO. Contenuti BOZZA

Covid, troppi contagi: scuole chiuse in Dad, si allargano le zone rosse. Gli ultimi aggiornamenti per regione

Covid-19, il Cts: impatto nuovi contagi anche nelle scuole. Servono misure differenziate per territori

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur