Covid, in Francia niente Green Pass per andare a scuola

WhatsApp
Telegram

Niente obbligo di pass sanitario negli istituti scolastici: è quanto annunciato oggi dal premier, Jean Castex, al termine del consiglio di Difesa sanitario a Parigi.

“Tutta la nostra strategia, dall’inizio della crisi (…) è stata fare in modo che i giovani di Francia fossero il più possibile scolarizzati. Dunque, non diremo adesso ‘se non siete vaccinati vi priviamo della scuola’, tanto più che alcuni non ci possono fare niente“, ha affermato il ministro. 

Il governo sarà “inflessibile” con coloro che “commettono atti di violenza”, protestando contro la campagna di vaccinazione anti-Covid o il pass sanitario, con una “postura ideologica, se non politica”, continua il premier

“Abbiamo diritto di manifestare” ma “saremo inflessibili con coloro che (…) commettono atti di violenza”, ha dichiarato riferendosi, tra l’altro, a coloro che “alludono alla stella gialla della Shoah, attaccano gli uffici di permanenza parlamentare, incendiano i centri di vaccinazione”, il che è “molto grave”, ha concluso Castex.

Green Pass, in Francia obbligatorio nei luoghi di cultura o di svago

Da questa mattina, in Francia, per andare al cinema, al museo o negli impianti sportivi bisogna presentare una prova di vaccinazione contro il coronavirus oppure un test negativo.

In Francia, dopo giorni di relativa calma, i casi stanno esplodendo, in particolare, per la variante Delta in forte progressione. In una settimana, si è passati da meno di 7.000 nuovi contagi a 18.000.

Una cosa “mai vista”, come detto dal ministro della Salute Olivier Véran, che induce l’esecutivo ad accelerare al massimo contro il nemico invisibile.

Mentre il portavoce del governo Gabriel Attal parla ormai di “quarta ondata”, il presidente Emmanuel Macron presiede un consiglio di Difesa sanitario all’Eliseo per fare il punto della situazione e il premier Jean Castex è atteso in tv per illustrare le nuove misure anti-Covid

Da oggi il pass sanitario è obbligatorio nei luoghi di cultura o di svago, come gli impianti sportivi, con oltre 50 persone (contro 1.000 in precedenza).

Castex potrebbe anche annunciare nuove restrizioni locali, mentre l’Assemblea Nazionale esamina nel pomeriggio il progetto di legge che da inizio agosto dovrebbe estendere il green pass anche a caffé, ristoranti, treni o bus di lunga percorrenza.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur