Covid, il lavoratore che non si sottopone al vaccino può essere sospeso? Cosa dice la normativa

Stampa

Obbligo vaccinale per docenti e Ata. Il governo è sempre più convinto della soluzione per permettere un ritorno in classe in sicurezza.

Cosa succede, però, se un lavoratore rifiuta di sottoporsi al vaccino anti Covid-19? Più sentenze ribadiscono un concetto: si può sospendere il lavoratore dal lavoro.

Proprio a Orizzonte Scuola, il giuslavorista Pietro Ichino disse: “Se la vaccinazione è disponibile, l’amministrazione scolastica può esigere la vaccinazione come misura di sicurezza, nell’interesse dei colleghi insegnanti e degli studenti. L’insegnante che rifiuti di adempiere questa disposizione, se impartita da chi ne ha il potere/dovere, può concordare la sospensione dall’insegnamento (senza stipendio) fino alla fine della pandemia; altrimenti può essere licenziato”.

Docenti e Ata vaccinati entro il 12 settembre o sospesi, il Governo sempre più convinto. Oggi incontro con i sindacati

Infatti, secondo Ichino, “l’art. 2087 c.c. si applica anche nel settore pubblico, per effetto del rinvio contenuto nell’art. 2, comma 2 del Testo Unico del pubblico impiego, contenuto nel d.lgs. n. 161/2001“.

Vaccino Covid-19, Ichino: “In caso di obbligo, docente che rifiuta può essere licenziato”

Vaccino Covid, docente non vaccinato sospeso dal servizio e senza stipendio: lo prevede il ddl Ronzulli

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”