Covid, Gissi (Cisl Scuola): “Mi sono vaccinata subito, la percentuale di docenti senza vaccino è residuale, molto inferiore rispetto ai numeri ufficiali”

Stampa

“Io mi sono vaccinata subito, sono stata una delle prime docenti ad aver prenotato; mi sono vaccinata all’inizio della campagna insieme al personale scolastico della mia scuola, con il dirigente e tutti i miei colleghi. Credo che la vaccinazione sia un dovere civico, la cifra di 200mila e più docenti che non si sarebbero ancora vaccinati mi sembra inattendibile “.

Così all’Adnkronos Maddalena Gissi, segretaria generale della Cisl Scuola.

“Quello che mi preoccupa veramente è che si sta girando intorno alla riapertura della scuola in presenza senza considerare i nodi irrisolti: i temi come la questione dei mezzi di trasporto che gli studenti dovranno utilizzare per recarsi a scuola, o i pub o altri locali che frequentano quando escono il pomeriggio o la sera; quali saranno le decisioni del Governo per evitare la diffusione del contagio? I ragazzi a scuola porteranno con loro la carica virale del covid. – evidenzia Gissi – Altro tema fondamentale è il distanziamento. Sara rigido? Vincolante? Se devono essere imposte regole certe, va fatto al più presto perché le scuole si devono preparare e il tempo non è sufficiente. Si devono preparare gli spazi ed il personale”.

“La percentuale dei docenti o personale scolastico non vaccinato è residuale, è bassissima, molto inferiore rispetto ai numeri annunciati ed è una pagliuzza diventata una trave che nasconde altri problemi più importanti e impellenti. L’obiettivo è riaprire la scuola in presenza e in sicurezza. Vanno chiariti tutti i dubbi sulla necessità di distanziamento o sulle mascherine ffp2. Porremo queste domande per iscritto prima dell’incontro incontro programmato per la stesura del nuovo protocollo sicurezza con il governo”, conclude Gissi.

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione