Covid, Emiliano (Puglia) all’attacco: “Sulla chiusura scuole intervenga il Governo. Basta con le ipocrisie”

Stampa

Il Governatore della Puglia sbotta contro il Governo nazionale colpevole, a suo modo di vedere, di lasciare la patata bollente delle chiusure scuole nelle mani dei governatori. Invece, secondo Emiliano, deve essere il Governo centrale ad intervenire.

Si dica chiaramente che le Regioni, ove dovesse succedere una catastrofe scolastica, non sono responsabili. Su questo punto tutti i governi, più quello precedente che l’attuale, hanno avuto l’idea di promuovere la scuola in presenza ma nessuno si è sentito in dovere di togliere i poteri residui ai presidenti di Regione sulla scuola“.

Lo dice in un’intervista a ‘La Stampa’ il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che parla di “un atteggiamento ipocrita: da un lato si finge con l’opinione pubblica di promuovere la presenza a scuola, poi però si lascia a noi, che ogni giorno ci affannano a fare ordinanze di tutti i tipi, la facoltà di intervenire sulle scuole.

Se hanno il coraggio, si devono prendere la responsabilità di gestirle dicendo che i poteri ex articolo 32 della legge sulla riforma sanitaria non possono essere esercitati sulla scuola, che è una funzione nazionale e non regionale. Agisce lo Stato e basta“, conclude Emiliano.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur